Menù

BLOGFUNDRAISING

Vi raccontiamo il fundraising e lo facciamo a modo nostro.

 

Dopo l’evento +Fundraising +Cultura: passare dal dire al fare

da | 16 Apr 2019 | Fundraising: vorrei e non vorrei | 0 commenti

L’evento +Fundraising +Cultura che si è svolto il 12 aprile scorso per iniziativa della Scuola di Fundraising di Roma rappresenta, per molti versi, uno spartiacque tra un passato fatto di episodici casi di mecenatismo e sponsorizzazioni e un futuro in cui il nostro paese, al pari di molti altri, si dota di una politica strategica sulla sostenibilità della cultura e la mette in pratica sistematicamente con il concorso di tutti gli attori.

Sicuramente non è un punto di arrivo, ma altrettanto sicuramente rappresenta l’inizio di un percorso che porti il nostro paese a dotarsi di un sistema di fundraising all’altezza del valore del nostro patrimonio culturale materiale e immateriale.

Tutti coloro che sono intervenuti portando il punto di vista di istituzioni, amministrazioni, fondazione aziende, enti di formazione e fundraiser sono concordi nel dire che è necessario e urgente realizzare questo percorso. Questo è un fatto nuovo ed estremamente positivo. A patto, però, che non si resti al livello del semplice dibattito.

Non abbiamo certo investito tempo e risorse per fare questo evento solo allo scopo di sollevare un dibattito o solo per mettere in mostra il nostro impegno per il fundraising culturale. Al contrario, abbiamo voluto creare un luogo in cui fosse possibile mettere insieme i soggetti pubblici e privati che hanno dimostrato un loro reale interesse per il fundraising (e intendo innanzitutto parlare dei partner dell’evento ALES, ANCI e Cepell e di chi è già impegnato in questo settore come Patrimonio Cultura, Fondazione FItzcarraldo e ASSIF) e quelli il cui ruolo è indispensabile per far crescere il fundraising culturale.

È stata sinceramente una scommessa. Mai prima dell’evento si era riusciti a mettere insieme tutti questi soggetti. Ma non basta. È necessario adesso dare concretezza. Passare dal dire al fare e farlo subito.

piu-fundraising-piu-cultura-commento-evento

+Fundraising + Cultura: foto dell’evento.

Per questo, da oggi la Scuola di Fundraising di Roma si impegnerà per dare vita ad un Osservatorio permanente sul fundraising per la Cultura che persegua cinque obiettivi essenziali:

  • monitorare l’evolversi del fenomeno per meglio comprendere le sue dinamiche, ciò che ostacola e ciò che facilita il fundraising e tenendo conto di alcune questioni urgenti come il tema della partecipazione della comunità alla vita delle istituzioni e organizzazioni culturali (presupposto allo sviluppo del fundraising) o la questione meridionale che assume aspetti drammatici per quanto riguarda la sostenibilità della cultura al Sud o, infine, il tema del patrimonio culturale locale e di piccola dimensione (che rappresenta il 90% di tutto il nostro patrimonio);
  • elaborare concreti provvedimenti e azioni che migliorino e facilitino il fundraising (standard di qualità, semplificazione delle sponsorizzazioni, facilitazioni per la raccolta delle microdonazioni, acquisizione di nuove tecnologie e molto altro);
  • fare ricerca di mercato, di marketing, ma anche sociologica sulla donazione, la sponsorizzazione, il mecenatismo – impossibile operare in assenza di dati e conoscenze certe sul fenomeno;
  • promuovere una nuova cultura del fundraising e della donazione per la cultura attraverso campagne di sensibilizzazione e di promozione;
  • formare il personale e potenziare le capacità di chi opera nelle istituzioni culturali e anche di chi guida i programmi di filantropia e investimento sociale delle aziende e delle fondazioni.

Un osservatorio che adotti un approccio multistakeholder, che sui 5 obiettivi precedenti sia in grado di coinvolgere operativamente tutti i soggetti pubblici e privati necessari e che sia improntato alla concretezza, ossia a realizzare atti, programmi ed iniziative concreti che producano impatti altrettanto concreti.

È un impegno che la Scuola si assume ma che non può che essere di tutti. Quindi il primo esito dell’evento, per noi, è che ricontatteremo tutti gli interlocutori coinvolti nel proporgli di dare vita insieme a noi all’Osservatorio.

Per non disperdere quanto emerso all’evento e al tempo stesso creare una prima piattaforma di condivisione abbiamo creato il sito www.fundraisingperlacultura.it dove dal 29 aprile 2019 sarà possibile accedere a tutti i contenuti dell’evento: video completo della giornata, interviste, documenti e il sondaggio “Di’ la tua sul fundraising culturale”, che rimarrà aperto anche nei prossimi mesi.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Manifesto del fundraising
IL PRIMO MANIFESTO SUL FUNDRAISING
Il fundraising cambia. Scopri qui come!
Ho preso visione dell'informativa sulla privacy, accetto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per l'invio di newsletter e comunicazioni sulle attività della Scuola.
Grazie per aver scaricato il Manifesto. Seguici su Facebook per ricevere le novità.
VITAMINE AL TUO FUNDRAISING? SEGUICI!
*Ho preso visione dell'informativa sulla privacy, accetto e fornisco il consenso al trattamento dei miei dati personali per l'invio di newsletter e comunicazioni sulle attività della Scuola.
Manifesto del fundraising
KNOWLEDGE CENTER
Una delle più grandi raccolte di documenti on line sul fundraising.
Ho preso visione dell'informativa sulla privacy, accetto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per l'invio di newsletter e comunicazioni sulle attività della Scuola.
Grazie per la visita al Knowledge Center. Seguici su Facebook per ricevere le novità.
Guida 2019: anno della fiducia
2019: L'ANNO DELLA FIDUCIA
La guida per rimettere in moto il pensiero strategico sul fundraising
Ho preso visione dell'informativa sulla privacy, accetto e autorizzo il trattamento dei miei dati personali per l'invio di newsletter e comunicazioni sulle attività della Scuola.
Grazie per aver scaricato la Guida. Seguici su Facebook per ricevere le novità.