Menù

BLOGFUNDRAISING

Vi raccontiamo il fundraising e lo facciamo a modo nostro.

Quando l’ente pubblico incentiva il fundraising: il caso “Città che legge”

da | 6 Set 2017 | Fundraising: vorrei e non vorrei | 0 commenti

Finalmente una buona, anzi ottima notizia, grazie al Centro per il Libro e la Lettura (CEPELL) del Mibact: per la prima volta in Italia, l’ente pubblico promuove, favorisce e incentiva lo sviluppo del fundraising per la sostenibilità dei beni comuni. In questo caso le biblioteche e le attività locali di promozione della lettura.

Il CEPELL già dal 2013 ha deciso, insieme all’ANCI, di investire nello sviluppo del fundraising, affidando alla Scuola di Roma Fund-Raising.it – su sua proposta – la realizzazione di Biblioraising, progetto che forma le biblioteche al fundraising e le accompagna nell’ideazione e sperimentazione di azioni di raccolta fondi. Questo progetto ha coinvolto in 2 anni più di 20 biblioteche e sistemi bibliotecari di grandi e piccoli centri del Nord, del Centro e del Sud Italia, le quali oggi fanno fundraising in modo sistematico.

Inoltre, ha lanciato un bando di finanziamento di progetti di promozione della lettura rivolto a comuni che hanno avviato concreti programmi in tal senso (la cosiddetta “Città che legge”).

In pratica, il CEPELL finanzierà con 5.000 euro (nel caso di comuni con meno di 5.000 abitanti) o 10.000 euro (per comuni tra i 5.000 e i 15.000 abitanti) progetti che:

  • promuovono il libro e la lettura;
  • coinvolgono gli attori della filiera del libro e della lettura;
  • promuovono la lettura negli ambienti della vita quotidiana;
  • estendono il pubblico dei lettori a nuove fasce sociali e anagrafiche di popolazione;
  • favoriscono una maggiore sostenibilità economica delle biblioteche (fundraising).

Sì, avete letto bene: vengono valorizzate e valutate positivamente (e quindi finanziate) azioni di fundraising per le biblioteche e per la promozione della lettura.

La scadenza del bando è fissata al 16 settembre e le circa 400 “città che leggono” (qui potete consultarne l’elenco) possono presentare progetti che contengono anche azioni di fundraising.

La Scuola di Roma è a loro disposizione se vogliono avere una assistenza nel definire le azioni di fundraising da inserire nei loro progetti. In particolare possono rivolgersi a a.furnari@scuolafundraising.it.

Ora, almeno in questo campo non si può più dire che il pubblico non investa in fundraising. È una novità assoluta per il nostro paese che va presa con molta attenzione e rilanciata, perché potrebbe essere l’apripista per politiche più complessive di investimento sul fundraising per i beni comuni.

Questo bando, tuttavia, fa ancora di più: istituisce un premio per i progetti più meritevoli, che consiste nella partecipazione a titolo gratuito al programma Biblioraising realizzato dalla nostra Scuola. In pratica il comune viene premiato ricevendo formazione, consulenza e accompagnamento nello sviluppare il suo fundraising.

Quando abbiamo proposto il progetto Biblioraising al CEPELL e all’ANCI, non avremmo mai pensato che, in così breve tempo, questo potesse far crescere le politiche di investimento sul fundraising.

Io e tutta la Scuola di Roma Fund-Raising.it siamo assolutamente entusiasti di questo risultato – il cui merito va soprattutto alla lungimiranza del CEPELL – e lo vogliamo condividere con tutti voi, anche nella speranza che questo tipo di approccio venga adottato da nostri colleghi nei confronti dei loro interlocutori istituzionali.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Massimo Coen Cagli

Massimo Coen Cagli

Direttore scientifico della Scuola, consulente e formatore senior, esperto in strategie di fundraising.

Fundraising: vorrei e non vorrei

LA RUBRICA
Manifesto del fundraising
IL PRIMO MANIFESTO SUL FUNDRAISING
Il fundraising cambia. Scopri qui come!
Scaricando il Manifesto, dichiari di aver letto e accettare l'informativa sulla privacy.
Grazie per aver scaricato il Manifesto. Seguici su Facebook per ricevere le novità.
VITAMINE AL TUO FUNDRAISING? SEGUICI!
Ho letto e accetto l'
Manifesto del fundraising
KNOWLEDGE CENTER
Una delle più grandi raccolte di documenti on line sul fundraising.
Visitando il Knowledge Center, dichiari di aver letto e accettare l'informativa sulla privacy.
Grazie per la visita al Knowledge Center. Seguici su Facebook per ricevere le novità.