Menù

NOTIZIE DALLA SCUOLA

Novità, eventi e segnalazioni dalla Scuola.

Coen Cagli parla di fundraising a “Passione Popolare”

da | 13 Set 2016 | Notizie dalla Scuola | 0 commenti

Si può oggi parlare di un fundraising popolare, di un fundraising che nasce e si sviluppa in tutte le sue componenti all’interno di un popolo e di una comunità? C’è spazio nel fundraising del nostro paese per recuperare le radici dell’impegno civico e del popolarismo di matrice religiosa e laica senza cadere nel populismo o nella mera “popolarità”?

Massimo Coen Cagli ne parlerà all’interno dello spazio Gazebo Popolari durante l’incontro nazionale di studi che si svolgerà a Roma organizzato dalle Acli e dal titolo “Passione Popolare. La persona, le Acli e il popolo: la democrazia scritta e quella che scriveremo”.

Insieme ai dirigenti delle Acli, Coen Cagli traccerà un percorso, una mappa che servirà ad avvicinarsi ad una nuova fase “popolare” del fundraising facendo tesoro di alcune esperienze quali il radicamento territoriale, la costruzione di dimensioni comunitarie, il riconoscimento del ruolo attivo dei donatori e quindi dell’azione sociale il tutto con lo sguardo rivolto al futuro.

Si può oggi parlare di un fundraising popolare, di un fundraising che nasce e si sviluppa in tutte le sue componenti all’interno di un popolo e di una comunità? C’è spazio nel fundraising del nostro paese per recuperare le radici dell’impegno civico e del popolarismo di matrice religiosa e laica senza cadere nel populismo o nella mera “popolarità”?

Massimo Coen Cagli ne parlerà all’interno dello spazio Gazebo Popolari durante l’incontro nazionale di studi che si svolgerà a Roma organizzato dalle Acli e dal titolo “Passione Popolare. La persona, le Acli e il popolo: la democrazia scritta e quella che scriveremo”.

Insieme ai dirigenti delle Acli, Coen Cagli traccerà un percorso, una mappa che servirà ad avvicinarsi ad una nuova fase “popolare” del fundraising facendo tesoro di alcune esperienze quali il radicamento territoriale, la costruzione di dimensioni comunitarie, il riconoscimento del ruolo attivo dei donatori e quindi dell’azione sociale il tutto con lo sguardo rivolto al futuro.