Menù

BLOGFUNDRAISING

Vi raccontiamo il fundraising e lo facciamo a modo nostro.

Sai che se non investi nel digital fundraising resti tagliato fuori?

da | 15 Apr 2021 | Insalate di cibernetica | 0 commenti

Si sa: i numeri sul digital fundraising in Italia sono pressoché inesistenti. Sfido chiunque a dire il contrario (a chi lo dice mente sapendo di mentire!).

Solo alcune ricerche e statistiche durante l’anno riescono a darci un po’ la misura di quello che succede sui canali digitali delle organizzazioni del Bel Paese ma, quando succede, si conferma sempre e comunque una tendenza di crescita più o meno esponenziale.

Non mi dilungo sugli effetti del covid-19 (siamo tutti più che stanchi anche solo di parlarne), ma dobbiamo essere onesti tra noi e dirci che il 2020 ha portato ad un aumento considerevole del traffico di donazioni online.

Ho sentito colleghi parlarmi di crescite di oltre 300 punti percentuali rispetto all’anno precedente.
Si, hai letto bene, non trenta, ma trecento per cento in più.

Ora.. non voglio perdermi nel solito trafiletto su quanto sia importante avere una strategia di fundraising online e bla bla bla, ma se non comprendiamo che il momento di investire nel digitale è ora o mai più o siamo degli illusi o dei sognatori.

A conferma della mia tesi, recentemente iRaiser ha pubblicato il benchmark sulle donazioni online del 2020. Il documento offre una panoramica su cosa stia succedendo in Europa e in Italia e conferma le tendenze di cui scrivevo.

Saltano subito tre cose all’occhio:

  1. Il valore medio del digital fundraising in Italia è cresciuto del 125%
    Parliamo di un dato che abbraccia 12 mesi e per questo è ancora più impressionante visto che è una crescita universale e inequivocabile. O ci sei o non ci sei!
  2. Siamo al pareggio delle provenienze desktop e mobile
    Dato epocale. L’esperienza mobile è ufficialmente sul podio e senza mezzi termini deve sovvertire quella desktop che è sempre più relegata a momenti di calma. Avete mai provato a donare di pancia su un bel video promo visto sui social mentre siete in autobus? Di certo lo avete fatto con il telefono.
  3. La donazione media online è di 56€
    Vi ricordate quando si diceva che online si dona di meno e con importi più bassi? Non aggiungo altro perché sono gentile e non voglio infierire.

Davvero, io non so più come dirlo: vogliamo o no iniziare a fare digital fundraising per bene e con un briciolo di strategia? Inizia scaricando il benchmark e continua iscrivendoti al nostro corso.

Vuoi migliorare?

A partire dal 12 maggio 2021 Michele Messina e Alberto Stornelli terranno, in diretta su piattaforma online, il corso Digital fundraising, appuntamento indispensabile per le organizzazioni che desiderano accrescere le proprie competenze di raccolta fondi online e migliorarne le performance. Partecipa anche tu! L’investimento richiesto, per sei giornate di corso è di soli 350€ + IVA.

Se vuoi maggiori informazioni o vuoi sapere quali sono le agevolazioni puoi richiedere informazioni o contattare Barbara Bagli, responsabile della formazione b.bagli@scuolafundraising.it.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *